Collaborazione per lo scambio dei dati energetici

Glossario

 

A – B  C – D – E – F – G – H – I – J – K – L – M – N – O – P – Q – R – S  T  U V – W – X – Y – Z

 

Analisi della qualità dei dati

L’analisi della qualità e la comunicazione dei dati energetici ai decisori sono elementi cruciali per l’implementazione ed il monitoraggio delle azioni dei SEAP. La qualità dei dati energetici a livello comunitario può essere influenzata da diversi fattori esterni (quali le variazioni demografiche, la crescita economica, ..) che portano potenzialmente ad un’analisi sbagliata delle tendenze e dei determinanti.

Clima normalizzato

È generalmente riconosciuto che il consumo per il riscaldamento è proporzionale alla severità dell’inverno. La valutazione del clima normalizzato corrisponde ai consumi corretti tenendo conto degli effetti della temperatura. I consumi legati al clima reale sono quelli che sono stati effettivamente registrati nel corso dell’anno.

Energia Finale

L’energia finale è l’energia fornita ai consumatori, da convertire in energia utile. Ad esempio: elettricità, benzina, gas, gasolio, combustibile domestico, ecc

Energia Primaria

L’energia primaria è la forma di energia grezza disponibile in natura: legno, carbone, gas naturale, petrolio, vento, radiazione solare, potenza idraulica, energia geotermica. L’energia primaria non è sempre direttamente utilizzabile ed è quindi spesso oggetto di conversioni: per esempio, la raffinazione del petrolio per ottenere benzina o gasolio o la combustione del carbone per produrre energia elettrica in una centrale termoelettrica.

Energia Utile

L’Energia Utile è l’energia a disposizione del consumatore dopo che è stata convertita dalla propria attrezzatura (caldaie, termoconvettori elettrici, lampadine). La differenza tra l’energia finale e l’energia utile risiede principalmente nell’efficienza degli apparecchi utilizzati per convertire questa energia finale.

Facilitatore della pianificazione energetica regionale

Che si tratti di agenzie regionali dell’energia, di Coordinatori Regionali del Patto dei Sindaci , di uffici statistici regionali sull’energia, di dipartimenti di enti pubblici responsabili dei dati o di consulenti per la pianificazione energetica sostenibile, i Facilitatori della pianificazione energetica regionale svolgono un ruolo fondamentale nel facilitare e organizzare il processo di cooperazione tra i fornitori di dati energetici e gli enti pubblici. Essi saranno in grado di implementare servizi e di promuovere la creazione di strutture di supporto quali osservatori.

Fornitori di dati energetici

Un fornitore di dati o una fonte di dati fonisce dati agli enti pubblici per la pianificazione energetica. I fornitori di dati energetici comprendono: società di servizi energetici (Operatori dei sistemi di trasporto,  Operatori del sistema di distribuzione, rivenditori di energia), uffici statistici, cooperative edilizie, Associazioni Industriali, organizzazioni per la tutela della qualità dell’aria, associazioni dei produttori di energie rinnovabili,etc.

Gestione dei dati

Le attività di gestione dei dati consistono in tutte le attività svolte durante le successive fasi di raccolta, elaborazione, modellazione e diffusione dei dati.Tali attività di gestione sono necessarie per aiutare a definire, implementare e monitorare i SEAP.

Indicatori base dei progressi

Permettono la valutazione delle azioni dei SEAP (per esempio km di percorsi ciclabili, numero di passeggeri pubblici per anno..).

Intensità energetica

L’intensità energetica misura l’efficienza energetica di un sistema economico o di un settore di attività.  Viene calcolata come unità di energia per unità di prodotto interno lordo (PIL).

Inventario Base delle Emissioni

Un Inventario Base delle Emissioni è la quantificazione delle emissioni di CO2 dovute ai consumi energetici all’interno del territoio di un comune firmatario del Patto dei Sindaci in un dato anno detto anno base. Il BEI permette di identificare le principali cause di emissioni di CO2 e i loro rispettivi potenziali di riduzione.

Inventario del Monitoraggio delle Emissioni

Inventario delle emissioni che il comune  porta avanti al fine di misurare i progressi verso il raggiungimento degli obiettivi.

Osservatorio regionale per l’energia e le emissioni di gas serra

Un osservatorio regionale per l’energia e le emissioni di gas serra è una struttura, o un’organizzazione dedicata con all’interno una struttura esistente, che ha lo scopo di raccogliere periodicamente dati dai fornitori di energia, analizzarli e poi fornire gratuitamente agli enti regionali e locali dati energetici e sulle emissioni di gas serra ai fini della pianificazione energetica sostenibile. Di solito questo tipo di struttura:

  • è gestita da un consorzio (inclusi i fornitori di dati energetici e gli enti pubblici)
  • è supportata dagli enti pubblici ed è spesso integrata a strutture regionali esistenti (come agenzie per l’energia o dipartimenti degli enti pubblici)
  • è dotata di competenze tecniche sulla raccolta, l’analisi e l’elaborazione dei dati, sulla gestione delle partnership e sulla pianificazione energetica
  • fornisce gratuitamente dati e servizi agli enti regionali e locali .

Questi servizi includono per esempio:

  • l’elaborazione ( aggregazione e disaggregazione) e la modellazione dei dati grezzi forniti dai fornitori a livello nazionale, regionale e locale
  • l’identificazione delle fonti dei dati e degli strumenti di comunicazione dei dati per il monitoraggio dei SEAP
  • la redazione e l’attuazione di accordi di collaborazione con i fornitori di dati energetici per consentire una trasmissione di dati più ampia (effetto moltiplicatore)
  • l’aggiornamento periodico delle stime dei consumi di energia e di emissioni di gas serra per la BEI/MEI a livello regionale e locale.

Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile

Un Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (SEAP) è un documento chiave nel quale il firmatario del Patto riassume come intende raggiungere il proprio obiettivo di riduzione di CO2 al 2020. Definisce le attività e le azioni messe in campo per raggiungere gli obiettivi, insieme a tempi di implementazione e responsabilità assegnate epr ciascuan azione. I firmatari del Patto sono liberi di scegliere il formato del proprio SEAP, purchè sia in linea con i principi fissati dalle Linee Guida del CoMo.

Privacy e regolamentazione dei dati

Riguardano tutte le precauzioni necessarie richieste da una delle parti per impedire la divulgazione di informazioni (come accordi di riservatezza, protezione dei dati per esempio tramite la crittografia, ecc).

Sensibilità commerciale dei dati

Dati la cui divulgazione potrebbe ragionevolmente tradursi in una perdita o in un guadagno finanziario per la persona a cui l’informazione si riferisce o potrebbe pregiudicare la posizione competitiva di quella persona nello svolgimento della propria professione o attività o comunque nella sua occupazione.

Tep

La tonnelata equivalente di petrolio è un’unità di misura dell’energia comunemente usata dagli economisti per confrontare le energie. Un tep è l’energia prodotta dalla combustione di una tonnellata di petrolio grezzo, che rappresenta circa 11.600 kWh.

TeCO2

La tonnellata di CO2 equivalente è un’unità di misura che permette di confrontare gas serra e CO2 in termini di impatto sull’effetto serra.

Unità di misura

I prefissi rappresentano i multipli delle unità:

  • kilo (k per un migliaio)
  • mega (M per un milione)
  • giga (G per un miliardo)
  • tera ( T per mille miliardi).

Valutazione regionale del consumo finale di energia

La valutazione regionale del consumo finale di energia corrisponde all’inventario dell’uso dei diversi tipi di energia in una regione. I valori dell’energia utilizzata esprimono i bisogni regionali in termini di trasporti, illuminazione, riscaldamento, produzione di beni e servizi..La valutazione dei consumi differenzia energie e settori di consumo.